Passeggeri andata
  • 1
  • 0
  • 0
  • 0
  • Adulti

    Dai 12 anni
  • Bambini

    4 - 11 anni
  • Infanti

    Fino a 3 anni
  • Animali

    Cani, gatti, altro
Conferma passeggeri
Passeggeri ritorno
  • 1
  • 0
  • 0
  • 0
  • Adulti

    Dai 12 anni
  • Bambini

    4 - 11 anni
  • Infanti

    Fino a 3 anni
  • Animali

    Cani, gatti, altro
Conferma passeggeri

Scegli la tratta

Passeggeri

Scegli il biglietto

Indietro
Isole Egadi

Isole Egadi

e la leggenda di Cala rossa

Tu sei qui

Traghetti per le Isole Egadi (Sicilia)

I traghetti per le Egadi della flotta Siremar collegano Trapani con tutte le isole dell’arcipelago, in una tranquilla traversata all’insegna del piacere e del relax. Ogni giorno, in tutti i mesi dell’anno, ti portiamo a Favignana, Marettimo e Levanzo a bordo delle nostre navi.

Con le offerte Siremar ti diamo la possibilità di raggiungere le Egadi con sconti e riduzioni sui biglietti. Prenota direttamente online con il nostro servizio di booking, scegli la tua destinazione e seleziona la sistemazione che desideri. Una volta salito a bordo, goditi il viaggio con tutti i comfort dei nostri servizi.

La leggenda di Cala rossa

Una leggenda narra che Cala Rossa a Favignana, isola principale delle Egadi, debba il suo nome al sangue versato durante la battaglia combattuta tra Cartagine e Roma nel 241 a.C. proprio nelle acque dell’arcipelago.
Le Egadi, il cui nome si può tradurre in "favorevole" o "propizio", sono note per la bellezza del mare e per le testimonianze archeologiche.

Le isole sono tutelate da un’area marina protetta che, con un’estensione di 53.992 ettari, è la riserva più grande del Mediterraneo.

Tutte le tre isole - Favignana, la più grande, con una superficie di 33 kmq; Marettimo con una superficie di 12 kmq e Levanzo con 10 kmq, a cui si aggiungono l'isolotto di Formica con gli scogli di Maraone e Porcelli - sono luoghi unici sia dal punto di vista storico che naturalistico.

Esistono infatti prove di insediamenti umani in queste isole prima del loro distacco dalla terraferma. Lo dimostrano le testimonianze rinvenute nella grotta del Genovese a Levanzo, dove incisioni rupestri e graffiti costituiscono un prezioso patrimonio archeologico.